Le nostre campane chiamate alla guerra

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

L’8 luglio 1943 veniva l’ordine di consegnare all’apposito ufficio alcune delle campane più grosse di ogni campanile. Anche Castenedolo consegnò le due più grosse, chiamate Bartolomeo e Maria detta anche Pia.

Maria Lombardi detta Maria Dèbé, una brava figliola del popolo, interpretò la passione della cittadinanza con questa poesia sgorgatale dal cuore senza tanto badare alle regole della metrica che certo non aveva mai studiato.

 

LE NOSTE DÒ GROSSE CAMPANE DESTINADE A FA LA GUERA

Per l’öltema olta Bortol è Pia

lè ga sunat l’Ave Maria

ai ót de loi dél quarantatré

lé dò grose campane le gha finit i sò de.

Presenti maestri, tanc zuégn,

en gran tante fomne, én bordél dé sciécc

girando la grù col sò curdù

la gha destacat campana e campanù.

Sto data memoranda la sarà marcada

né mai piò désmentégada

e chéste robe anché i nos sciécc

i recordarà fin quant i sarà écc.

Care campane ché sunaéf issé bé

quant leaa el sul e tramontaa el dé

sunaéf semper nei bei de dé festa

e quant en ciel minaciaa la tempesta.

Care campane che ghi sunat issé bé

el de dé Pasqua sol bél mesdé

come en pianto dé désolasiù

ghi dat él saluto a la popolasiù!

Care campane, ché ma recorda tanc laur,

e ma résveglia en ment, lé robé del Signur

chi mai gharés pénsat,

che a fa la guera i varés ciamat? …

Ma vegnarà on de, prést o lontà,

che turnarà i fiöi ai sò bùbà;

turnarà i soldacc a le sò case

en més a le contrade désolade

ön sùnà alegher partirà dal campanil

dele campane on sunà sitil

él sunà dele tré campane picinine

restade a testimonià tante ruine.

 

Castenedolo, 10 luglio 1943 MARIA LOMBARDI (detta Dèbé)

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *